Fabrizio De André – Don Raffaè

Accordi e spartito di Don Raffaè di Fabrizio De André
Pubblicato 1990
Tonalità originale Am

 

Intro




Am    Am/C     Am/F       Am/E      E                                       Am
Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiero del carcere oine’
Am                                                           E                                     Am
Io mi chiamo Cafiero Pasquale, sto a Poggio Reale dal cinquantatre’
Dm                        Am                  Dm                            Am
E al centesimo catenaccio alla sera mi sento uno straccio
Dm                                            Am                                 E                                 Am
Per fortuna che al braccio speciale c’e’ un uomo geniale che parla con me

Tutto il giorno con quattro infamoni, briganti, papponi, cornuti e lacche’
Tutte l’ore co’ ‘sta fetenzia che sputa minacce e s’a piglia co’ me
Ma alla fine m’assetto papale, mi sbottono e mi leggo ‘o giornale
Mi consiglio con don Raffae’ mi spiega che penso e bevimmo ‘o cafe’

G                        C                     G                          C
A che bello ‘o cafe’, pure in carcere ‘o sanno fa
Dm                                   Am                            E                               Am
Co’ a ricetta che a Ciccirinella, compagno di cella, c’ha dato mamma’

Prima pagina venti notizie, ventuno ingiustizie e lo stato che fa
Si costerna, s’indigna, s’impegna poi getta la spugna con gran dignita’
Mi scervello e mi asciugo la fronte, per fortuna c’e’ chi mi risponde
A quell’uomo sceltissimo e immenso, io chiedo consenso a don Raffae’

Un galantuomo che tiene sei figli ha chiesto una casa e ci danno consigli
Mentre ‘o assessore che Dio lo perdoni ‘ndrento ‘a roulotte ci tiene i visoni
Voi vi basta una mossa, una voce, c’a ‘sto cristo ci levano ‘a croce
Con rispetto s’e’ fatto le tre, volite ‘a spremuta o volite ‘o cafe’

A che bello ‘o cafe’, pure in carcere ‘o sanno fa
Co’ a ricetta che a Ciccirinella, compagno di cella, c’ha dato mamma’
A che bello ‘o cafe’, pure in carcere ‘o sanno fa
Co’ a ricetta che a Ciccirinella, compagno di cella, preciso a mamma’

Qui ci sta l’inflazione, la svalutazione e la borsa ce l’ha chi ce l’ha
Io non tengo compendio che chillo stipendio e un ambo se sogno ‘a papa’
Aggiungete mia figlia Innocenza, co’ marito non tiene pazienza
Non chiedo la grazia pe’ me, vi faccio la barba o la fate da se’

Voi tenete un cappotto cammello che al maxiprocesso eravate ‘o chiu’ bello
Un vestito gessato marrone, cosi’ ci e’ sembrato alla televisione
Pe’ ‘ste nozze vi prego eccellenza mi prestasse per fare presenza
Io gia’ tengo le scarpe e ‘o gilet, gradite ‘o campari o volite ‘o cafe’

A che bello ‘o cafe’, pure in carcere ‘o sanno fa
Co’ a ricetta che a Ciccirinella, compagno di cella, c’ha dato mamma’
A che bello ‘o cafe’, pure in carcere ‘o sanno fa
Co’ a ricetta che a Ciccirinella, compagno di cella, preciso a mamma’




Qui non c’e’ piu’ decoro, le carceri d’oro ma chi le ha mai viste chissa’
Chiste so’ fatiscenti, pe’ chisto i fetenti se tengono l’immunita’
Don Raffae’ voi politicamente ve lo giuro sarebbe ‘no santo
Ma ca dinto voi state a paga’ e fora chiss’atre se stanno a spassa’

A proposito tengo ‘no frate che da quindici anni sta disoccupato
Chill’ha fatto quaranta concorsi, novanta domande e duecento ricorsi
Voi che date conforto e lavoro, eminenza vi bacio, v’imploro
Chillo duorme co’ mamma e co’ me, che crema d’Arabia ch’e’ chisto cafe’

 

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.