Roberto Vecchioni – Due Madri

Accordi chitarra e testo di Due Madri di Roberto Vecchioni
Pubblicato 2013
Tonalità originale C

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.




C G Am Em F C D G (x2)

C                              G                                          Am                              Em
Nina due madri ti seguono, si specchiano dentro i tuoi occhi di cielo,
F                           C                                   D                                G
innamorate dal giorno che ti hanno cercata e voluta davvero
C                          G                                   Am                             Em
Cloe io so cosa pensi: due madri son tante, però siete in due,
F                          C                        D                           G
e si dividono a turno i tuoi sorrisi e le lacrime sue

.        F                                  G                             C                                C7
E si portano dietro quel giorno sfiorato di prime tremanti parole,
.            Dm                               G                                   C                                C7
come amore alla faccia del mondo, come l’unica via per non essere sole
Dm                         Am G                                       Am
Come il sole all’inferno, come un fiore d’inverno.
F                         C G Am Em F C D G
e l’inizio di un sogno

 

C                                  G                          Am                        Em
Nina due madri son come la luna di notte e il sole di giorno,
F                                       C                                  D                                G
come due storie e due trame di una stessa favola per prendere sonno
C                                  G                          Am                              Em
Cloe non credere ai tanti tamburi di latta del mondo normale,
F                                  C                            D                                  G
se grideranno allo scandalo mettiti a ridere perchè sei speciale
F                                  G                              C                                      C7
Datemi sempre la mano perchè sono vecchio e non vedo lontano,
Dm                                       G                               C                            E
camminatemi sempre davanti ho i sogni leggeri ma i piedi pesanti,
Am                             F                              Dm                             G
Ditemi sempre la strada per me fa lo stesso dovunque si vada
.                                                  Em                           E                                    F
e non statemi a prender sul serio, se dico che i sogni li ho persi nel cielo
Dm                          Am     G                       Am
Voi non state a sentire, dico tanto per dire,
F                            C G Am Em F C D G
e mi va di scherzare.

 




C                                  G                              Am                           Em
Quando l’airone discese portandovi in volo tra i raggi del sole
F                                          C                          D                                  G
Le vostre madri vi han preso la penna d’argento che toglie il dolore;
Am                             F                              Dm                             G
Ditemi sempre la strada per me fa lo stesso dovunque si vada
.                                                  Em                           E                                    F
e non statemi a prender sul serio, se dico che i sogni li ho persi nel cielo
Dm                          Am     G                       Am
Dico tanto per dire, per non farmi capire,
F                            C G Am Em F C D G
per non farmi soffrire

Roberto Vecchioni – Voglio Una Donna

Accordi e testo di Voglio Una Donna di Roberto Vecchioni
Pubblicato 1992
Tonalità originale A

 

 

Capotasto al secondo tasto

intro: G  C  G  C  D  D

.              G                                       D
Una canzone di Natale che le prenda la pelle
C                                     G
E come tetto solo un cielo di stelle;
.                                                          D
abbiamo un mare di figli da pulirgli il culo:
C                                                      G
Che la piantasse un po’ di andarsene in giro
C                                       G
La voglio come Biancaneve coi sette nani,
C                                      G                                D
noiosa come una canzone degli “Intillimani”
.                    G
Voglio una donna “donna”,
.    D
donna “donna”
.                        C
donna con la gonna,
gonna gonna




.                    G
Voglio una donna “donna”,
.    D
donna “donna”
.                        C
donna con la gonna,
gonna gonna

.                G B                     C
Prendila te quella col cervello,
.                                 G   Bm                         C
che s’innamori di te     quella che fa carriera,
.                      G    Bm                         C
quella col pisello    e la bandiera nera
.                        G   Bm                     C
la cantatrice calva   e la barrica nera
.                                         G  C  G  C  D  D
che non c’e mai la sera

.                   G                                          D
Non dico tutte: me ne basterebbe solo una,
.           C                                  G
tanti auguri alle altre di più fortuna
.                                                                    D
Voglio una donna, mi basta che non legga Freud,
.                        C                                 G
dammi una donna così che l’assicuro ai “Lloyd”
C                                         G
preghierina preghierina fammela trovare,
C                                 G                                           D
Madonnina Madonnina non mi abbandonare;
.                    G
Voglio una donna “donna”,
.    D
donna “donna”
.                        C
donna con la gonna,
gonna gonna.

.                    G
Voglio una donna “donna”,
.    D
donna “donna”
.                        C
donna con la gonna,
gonna gonna

.                G B                     C
Prendila te la signorina Rambo
.                                G   Bm                      C
che s’innamori di te     ‘sta specie di canguro
.                             G
che fa l’amore a tempo
Bm                          C
che fa la corsa all’oro
.                          G
veloce come il lampo
Bm                         C
tenera come un muro
padrona del futuro




.                G B                             C
Prendila te quella che fa il “Leasing”
.                                G  Bm                    C
che s’innamori di te    la Capitana Nemo,
.                                   G
quella che va al “Briefing”
Bm                        C
perchè lei è del ramo,
.                                G
e viene via dal Meeting
Bm                           C
stronza come un uomo
sola come un uomo

Roberto Vecchioni – Signor Giudice

Accordi testo spartito di Signor Giudice di Roberto Vecchioni
Pubblicato 1979
Tonalità originale A

 

.             A
Signor giudice le stelle sono chiare
.                    E                            A
per chi le può vedere magari stando al mare

signor giudice chissà chissà che sole
.               E                                 A
si copra per favore che le può fare male

immaginiamo che avrà cose più grandi di noi
.               E                         A
forse una moglie troppo giovane

e ci scusiamo con lei d’importunarla così
.          E                                       A
ma ci capisca in fondo siamo uomini.
.         E                                                                               A
così così, abbiamo donne abbiamo amici, così così
.                                                                   E
leggiamo poco leggiamo libri, così così,
.                                                                  A
e nelle foto veniamo sempre, così così.

D A  D A




.               A
Signor giudice lei venga quando vuole
.             E                                   A
più ci farà aspettare, più sarà bello uscire

signor giudice si compri il costumino
.                 E                             A
si mangi l’arancino col suo pomodorino

noi siamo tanti siam qua, già la chiamiamo papà
.                  E                      A
di quei papà che non si conoscono

quel giorno quando verrà, giudichi senza pietà
.               E                                   A
ci vergognamo tanto di essere uomini.
.          E                                                                          A
così cos’, sognamo poco sognamo sogni, così così
.                                                                             E
abbiamo nonne abbiamo mamme, così così
.                                                                          A
e quasi sempre sposiamo mogli, così così
.                                                                       E
se ci riusciamo facciamo figli, così così
.                                                                     A
abbiamo tutti le stesse facce, così così
.                                                                         E
viaggiamo poco vediamo posti, così così
.                                                                A
ed ogni sera ci ritroviamo, così così.

D A  D A

.             A
Signor giudice noi siamo quel che siamo
.               E                                         A
ma l’ala di un gabbiano, può far volar lontano

signor giudice qui il tempo scorre piano
.                      E                                   A
ma noi che l’adoriamo col tempo ci giochiamo

l’ombra sul muro non è una ragazza però
.              E                    A
ci fai l’amore per abitudine

lei certamente farà quello che è giusto per noi
.               E                                      A
che ci fidiamo e continuiamo a vivere.
.             E                 A              E             A              E
così cos썍, così cos썍, così così, così cos썍, così cos썍,
.                                                                        A
sappiamo poco sappiamo cose, così così
.                                                                                 E
ci accontentiamo perchè noi siamo, così così
.                                                                 A
a casa nostra ci sono quadri, così così
.                                                                         E
e se c’è il sole è sempre un sole, così così
.                                                                    A
e nelle foto veniamo sempre, così così
.                                                                        E
sognamo poco sognamo sogni, così così
.                                                                 A
ed ogni sera ci ritroviamo, così così

 




I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.

Roberto Vecchioni – Samarcanda

Accordi di Samarcanda di Roberto Vecchioni
Pubblicato 1977
Tonalità originale

 





A                                       E
Ridere, ridere, ridere ancora,
ora la guerra paura non fa
brucian le divise dentro il fuoco la sera
brucia nella gola vino a sazietà

D
Musica di tamburelli fino all’aurora
A                                                E
il soldato che tutta la notte ballò
D
vide tra la folla quella nera signora
A                                                    E
vide che guardava lui e si spaventò.

Salvami, salvami, grande sovrano
fammi fuggire, fuggire di qua
alla parata lei mi stava vicino
e mi guardava con malignità

Dategli, dategli un animale
figlio del lampo, degno di un re
presto, più presto perchè possa scappare
dategli la bestia più veloce che c’è.

A
Corri cavallo, corri ti prego
D                                          E7
fino a Samarcanda io ti guiderò
F#-                                   D
non ti fermare, vola ti prego
E7
corri come il vento che mi salverò.

A
Oh oh cavallo, oh oh cavallo,
oh oh cavallo, oh oh cavallo, oh oh.

Fiumi poi campi, poi l’alba era viola
bianche le torri che infine toccò
ma c’era tra la folla quella nera signora
e stanco di fuggire la sua testa chinò.

Eri fra la gente nella capitale
so che mi guardavi con malignità
son scappato in mezzo ai grilli e alle cicale
son scappato via ma ti ritrovo qua.

Sbagli t’inganni ti sbagli soldato
io non ti guardavo con malignità
era solamente uno sguardo stupito
cosa ci facevi l’altro ieri là?




T’aspettavo qui per oggi a Samarcanda
eri lontanissimo due giorni fa,
ho temuto che per ascoltar la banda
non facessi in tempo ad arrivare qua.

Non è poi così lontano Samarcanda
corri cavallo, corri di là
ho cantato insieme a te tutta la notte
corri come il vento che ci arriverò.

Oh oh cavallo, oh oh cavallo,
oh oh cavallo, oh oh cavallo, oh oh.de

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.