Lucio Battisti – Con Il Nastro Rosa

Accordi chitarra e testo di Con Il Nastro Rosa di Lucio Battisti
Pubblicato 1980
Tonalità originale C#m

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori.
La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca.
Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.

 

Capotasto al quarto tasto

Intro
Am F7+ G Am
Am F7+ G Am






 

.             Am
Inseguendo una libellula in un prato
.                  F7+
Un giorno che avevo rotto col passato
.                 G
Quando già credevo d’esserci riuscito
.         Am
Son caduto

.          Am
Una frase sciocca un volgare doppio senso
.                  F7+
mi hanno allarmato non è come io la penso
.          G
ma il sentimento era già un po’ troppo denso
.         Am
e son restato

.              Am
Chissà, chissà chi sei
.            F7+
Chissà che sarai
.             G
Chissà che sarà di noi
.                  Am
Lo scopriremo solo vivendo

.                     Am
Comunque adesso ho un po’ paura
.                F7+
ora che quest’avventura
.                G
sta diventando una storia vera
.                 Am
spero tanto tu sia sincera!

Am F7+ G Am
Am F7+ G Am

.                  Am
Il magazzino che contiene tante casse
.                F7+
alcune nere alcune gialle alcune rosse
.                   G
dovendo scegliere e studiare le mie mosse
.                Am
sono alle impasse

.                  Am
Mi sto accorgendo che son giunto dentro casa
.                F7+
con la mia cassa ancora con il nastro rosa
.                 G
e non vorrei aver sbagliato la mia spesa
.                 Am
con la mia sposa.






.              Am
Chissà, chissà chi sei
.            F7+
Chissà che sarai
.             G
Chissà che sarà di noi
.                  Am
Lo scopriremo solo vivendo

.                     Am
Comunque adesso ho un po’ paura
.                F7+
ora che quest’avventura
.                G
sta diventando una storia vera
.                 Am
spero tanto tu sia sincera!

 

Lucio Battisti – Il Tempo di Morire

Accordi chitarra e spartito di Il Tempo di Morire di Lucio Battisti
Pubblicato 1970
Tonalità originale C

 

INTRO C F C – C F C

.      C F C        C F C
Motocicletta
. C F C       C F C
10 HP
.      C F C          C F C
tutta cromata
.            C F C G     G C G
è tua se dici sì
.                        G C C    C F C
mi costa una vita
.                        C F F    F Bb F
per niente la darei
.                           F Bb G     G C F
ma ho il cuore malato
.              F Bb C
e so che guarirei

 




.      C F C        C F C
Non dire no
. C F C       C F C
non dire no
.      C F C          C F C
non dire no
.            C F C G     G C G
non dire no
.                        G C C    C F C
lo so che ami un altro
.                        C F F    F Bb F
ma che ci posso fare
.                           F Bb G     G C F
io sono un disperato
.                 F Bb C
perchè ti voglio amare

 

perchè ti voglio amare
perchè ti voglio amare
perchè ti voglio amare
stanotte, adesso, sììììììì
mi basta il tempo di morire
fra le tue braccia così
domani puoi dimenticare, domani
ma adesso dimmi di sì
Non dire no
non dire no
non dire no
prendi tutto quello che ho
mi basta il tempo di morire
fra le tue braccia così
domani puoi dimenticare, domani
ma adesso, adesso dimmi di si
adesso dimmi di si
adesso dimmi di si
adesso dimmi di si, si, si, si
non dire no
non dire no
non dire no
non dire no
lo so che ami un altro
che ci posso fare
io sono un disperato
perché ti voglio amare
perché ti voglio amare
perché ti voglio amare
perché ti voglio amare
stanotte, adesso, sììììììì
mi basta il tempo di morire
fra le tue braccia così
domani puoi dimenticare, domani
ma adesso, adesso dimmi di si




adesso dimmi di sì
adesso dimmi di sì
adesso dimmi di sì
adesso dimmi di sì
che ci posso fare,
io sono un disperato
perché ti voglio amare
io sono un disperato
perché ti voglio amare
io sono un disperato
io sono un disperato
perché ti voglio amare

Lucio Battisti – Il Mio Canto Libero

Accordi chords testo lyrics di Il Mio Canto Libero di Lucio Battisti
Pubblicato 1972
Tonalità originale A

 

capo al secondo tasto
intro: G Bm C7+ G





.                          G                         Bm
In un mondo che non ci vuole più
.                      C7+          G                                                         Bm
il mio canto libero sei tu e l’immensità si apre intorno a noi
.                      C7+                     G
aldilà del limite degli occhi tuoi
.                                    Bm
nasce il sentimento, nasce in mezzo al pianto
.                     C7+            G
e s’innalza altissimo e va e vola sulle accuse della gente
Bm
a tutti i suoi retaggi indifferente
.                          C7+                                                  G
sorretto da un anelito d’amor di vero amore

.                         G                      Bm
In un mondo che prigioniero è
.                      C7+           G                                           Bm
respiriamo liberi io e te e la verità si offre nuda a noi
.                      C7+                           G
e limpida è l’immagine ormai
.                                  Bm
nuove sensazioni, giovani emozioni
.                          C7+            G
si esprimono purissime in noi la veste dei fantasmi del passato
Bm
cadendo lascia il quadro immacolato
.                           C7+                                                        G
e s’alza un vento tiepido d’amore di vero amore

C                G                      Bm
e riscopro te        dolce compagna che
C7+                                                     G
non sai dove andare ma sai che ovunque andrai
F                             G                       Am          D4
al fianco tuo mi avrai se tu lo vuoi

G Bm C7+  G    Bm C7+  G

.     G
pietre un giorno case
.                 Bm
ricoperte dalle rose selvatiche
.          C                 G
rivivono, ci chiamano boschi abbandonati
.                Bm
e perciò sopravvissuti vergini
.               C                   G       F Mi
si aprono, ci abbracciano




.                         A                     C#m
In un mondo che prigioniero è
.                        D7+       A                                              C#m
respiriamo liberi io e te e la verità si offre nuda a noi
.                             D7+           A
e limpida è l’immagine ormai
.                                                       C#m
nuove sensazioni, giovani emozioni
.                            D7+             A
si esprimono purissime in noi la veste dei fantasmi del passato
.  C#m
cadendo lascia il quadro immacolato
.                              D7+                                                        A
e s’alza un vento tiepido d’amore di vero amore
D                A D
e riscopro te

 

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.

Lucio Battisti – Vendo Casa

Accordi chords testo lyrics di Vendo Casa di Lucio Battisti
Pubblicato 1971
Tonalità originale Am




 
Am         D7                    G      Em
L’erba è alta ormai lo so
e dovrei potare il melo
quanta polvere c’è
dentro casa è tutto un velo

La cucina guarda che cos’è
quanti piatti sporchi da lavare
e mia madre sempre qui
che ripete non lasciarti andare

E la gente intorno a me
come un gufo vuole guardare
ma di strano cosa c’è
questa casa ha visto amore
oggi vede un uomo che muore

La poltrona a fiori è vecchia oramai
quello strappo è da cucire
ho la barba lunga come tu la vuoi
ed ho voglia di morire




Un panino una birra e poi
la tua bocca da baciare
e la fiamma si alza ancora dentro me
questa casa è tutta da bruciare

 

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.

 

Lucio Battisti – I Giardini Di Marzo

Accordi testo e diteggiatura di I Giardini Di Marzo di Lucio Battisti
Pubblicato 1972
Tonalità originale G#m

 

Chitarra accordata mezzo tono più grave

 




Intro: arpeggiare la melodia arpeggiando l’accordo

.       Am                                Em7                   Fmaj7
Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati!
.           Am                                Em7                   Fmaj7
al ventuno del mese i nostri soldi erano già finiti
.           Am                                Em7                   Fmaj7
io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti
.           Am                                Em7                   Fmaj7
il più bello era nero e coi fiori non ancora appassiti

.       Am                                    Em7              Fmaj7
All’uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri
.           Am                                Em7                         Fmaj7
io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli
.           Am                                Em7                               Fmaj7
poi sconfitto tornavo a giocar con la mente e i suoi tarli
.           Am                 Em7                        Fmaj7                  G     Em7
e la sera al telefono tu mi chiedevi: “perché non parli?”

 

.                 C                      G
Che anno è, che giorno è
.                   Dm                              Am
questo è il tempo di vivere con te
.                                 Am7                        Dm
le mie mani come vedi non tremano più
.                G       Em
e ho nell’anima in fondo all’anima
.                C                                  G
cieli immensi, e immenso amore
.            Dm                                               Am
e poi ancora ancora amore amor per te
.                           Am7        Dm
fiumi azzurri e colline e praterie
.          G                E7               Am
dove corrono dolcissime le mie malinconie
Am7                                              Dm
l’universo trova spazio dentro me
.              Am                      E7                             Fmaj7
ma il coraggio di vivere quello ancora non c’è.

 




 

I giardini di marzo si vestono di nuovi colori
e le giovani donne in quel mese vivono nuovi amori
camminavi al mio fianco ad un tratto dicesti: “tu muori”
Se mi aiuti son certa che io ne verro fuori!
Ma non una parola chiarì i miei pensieri
continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri

Che anno è, che giorno è
questo è il tempo di vivere con te
le mie mani come vedi non tremano più
e ho nell’anima in fondo all’anima
cieli immensi, e immenso amore
e poi ancora ancora amore amor per te
fiumi azzurri e colline e praterie
dove corrono dolcissime le mie malinconie
l’universo trova spazio dentro me
ma il coraggio di vivere quello ancora non c’è.

 

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.

Lucio Battisti – La Canzone Del Sole

Accordi di La Canzone Del Sole di Lucio Battisti
Pubblicato 1972
Tonalità originale A

Il giro di accordi è sempre uguale:
A                  E                 D                         E




Le bionde trecce gli occhi azzurri e poi
le tue calzette rosse
e l’innocenza sulle gote tue
due arance ancor più rosse
e la cantina buia dove noi
respiravamo piano
e le tue corse, l’eco dei tuoi no, oh no
mi stai facendo paura.
Dove sei stata cos’hai fatto mai?
Una donna, donna dimmi
cosa vuol dir sono una donna ormai.
Ma quante braccia ti hanno stretto, tu lo sai
per diventar quel che sei
che importa tanto tu non me lo dirai, purtroppo.
Ma ti ricordi l’acqua verde e noi
le rocce, bianco il fondo
di che colore sono gli occhi tuoi
se me lo chiedi non rispondo.

O mare nero, o mare nero, o mare ne…
tu eri chiaro e trasparente come me
o mare nero, o mare nero, o mare ne…
tu eri chiaro e trasparente come me.

Le biciclette abbandonate sopra il prato e poi
noi due distesi all’ombra
un fiore in bocca può servire, sai
più allegro tutto sembra
e d’improvviso quel silenzio fra noi
e quel tuo sguardo strano
ti cade il fiore dalla bocca e poi
oh no, ferma, ti prego, la mano.
Dove sei stata cos’hai fatto mai?
Una donna, donna, donna dimmi
cosa vuol dir sono una donna ormai.
Io non conosco quel sorriso sicuro che hai
non so chi sei, non so più chi sei
mi fai paura oramai, purtroppo.
Ma ti ricordi le onde grandi e noi
Gli spruzzi e le tue risa
Cos’è rimasto in fondo agli occhi tuoi
La fiamma è spenta o è accesa?




O mare nero, o mare nero, o mare ne…
Tu eri chiaro e trasparente come me
O mare nero, o mare nero, o mare ne…
Tu eri chiaro e trasparente come me.

Il sole quando sorge, sorge piano e poi
La luce si diffonde tutto intorno a noi
Le ombre ed i fantasmi della notte sono alberi
E cespugli ancora in fiore
Sono gli occhi di una donna
Ancora piena d’amore.

 

I testi e gli accordi delle canzoni contenuti nel sito sono proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l’uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca. Gli autori potranno richiederne la rimozione in qualsiasi momento.
L’intepretazione degli accordi è frutto di un mio lavoro individuale.